Asilo degli orrori a Milano, giustificazione disgustosa di un’educatrice

0
Asilo degli orrori a Milano, titolare libero

Ieri sono finiti in manette il titolare e un’educatrice dell’asilo degli orrori a Milano. Parliamo del Baby World, struttura ubicata nel quartiere Bicocca. I due sono accusati di maltrattamenti aggravati nei confronti dei piccoli. L’asilo era frequentato anche da bimbi da 2 a 12 mesi.

Milena Ceres: metodi educativi aberranti

Grazie alle telecamere di sorveglianza, i carabinieri hanno scoperto che i bimbi venivano costantemente offesi, umiliati e picchiati. Molti venivano legati alle sedie con dei lacci; altri rinchiusi per ore in stanze buie. Un bimbo di 2 anni è stato anche morso. A denunciare ai carabinieri quello che avveniva nella struttura sono state due ex dipendenti. I militari, dopo accurate indagini, hanno potuto confermare gli abusi a cui erano sottoposti i piccoli. Ieri sono scattate le manette per Enrico Piroddi (35 anni) e per la compagna Milena Ceres (34 anni). Il primo, titolare di quello che è già stato ribattezzato l’asilo degli orrori a Milano, è stato rimesso in libertà; lei è ancora ai domiciliari.

Durante l’interrogatorio della Ceres, gli inquirenti sono rimasti sconvolti dalle parole proferite dalla donna:

“I bambini hanno bisogno di essere educati con grande severità e durezza“.

La Ceres non ha negato nessun addebito, sottolineando che le sue azioni erano riconducibili al suo progetto educativo. Un investigatore ha rivelato al tabloid Il Giornale:

“Nella sua lucida follia è convinta di quello che fa. Lo ha ripetuto più volte che i bambini hanno bisogno di essere educati con grande severità e durezza“.

Titolare asilo degli orrori a Milano torna in libertà

Il titolare dell’asilo degli orrori a Milano è già tornato in libertà. Piroddi respinge ogni accusa e dice:

Se mi hanno liberato ci sarà un perché, ma non voglio dichiarare altro: la verità verrà a galla”.

LASCIA UN COMMENTO