Benzina costa cara per accise e Iva: prezzi carburanti al top in Italia

0
Petrolio: prezzo cala ma in Italia benzina costa sempre tanto

Accise e Iva stritolano gli italiani. Pensate un po’, senza tali balzelli un litro di benzina costerebbe 44 centesimi! L’Italia è il Paese europeo in cui i carburanti costano di più proprio per colpa delle tasse

 

Il prezzo del petrolio scende ma in Italia i carburanti costano sempre molto per via di accise e Iva. Ciò rappresenta un danno per le famiglie, le imprese e tutti i consumatori poiché benzina più cara vuol dire prodotti finali più costosi. Non c’è una nazione europea dove il prezzo dei carburanti è elevato come in Italia. Il Fisco, dunque, soffoca gli italiani.

Pensate un po’. Anche se il petrolio fosse gratis, pagheremmo un litro di benzina circa un euro per colpa di Iva e accise. Queste ultime, dal 2008, hanno subito un incremento del 46%. Significative le parole di Faib Confesercenti:

“Per assurdo, anche se i Paesi produttori ci regalassero la materia prima, un litro di verde costerebbe comunque agli italiani 1,083 euro, un litro di gasolio 0,9865 euro”.

Codacons condivide l’opinione di Faib Confesercenti:

“Per colpa del Fisco l’Italia resta saldamente ai vertici della classifica dei paesi europei dove i carburanti costano di più”.

Matteo Renzi è cosciente di questa intollerabile situazione che pesa come un macigno sull’economia italiana e, recentemente, ha cercato di persuadere i petroliferi a ridurre il prezzo della benzina. Ecco la replica:

“Da giugno 2015 ad oggi il prezzo della benzina è diminuito complessivamente di oltre 21 centesimi, mentre quello del gasolio di circa 28 centesimi, riflettendo appieno la discesa del greggio e dei prodotti raffinati sui mercati internazionali”.

I petroliferi, insomma, hanno detto a Renzi che la colpa del prezzo elevato dei carburanti, in Italia, è delle accise e dell’Iva. Le accise dovrebbero essere ridotte del 5%, inizialmente, poi del 10% in modo che i prezzi dei carburanti, nel Belpaese, si armonizzino a quelli applicati nel resto d’Europa.

 

LASCIA UN COMMENTO