Gene Wilder è morto ascoltando ” Somewhere Over The Rainbow” e stringendo la mano ai familiari

0

Willy Wonka se n’è andato il 29 agosto, nella sua fabbrica di cioccolato, la sua casa di Stamford, coccolato dai suoi affetti.

Walker-Pearlman (il nipote) ha dichiarato, a seguito della morte di Gene Wilder:

“Aveva 83 anni e se n’è andato tenendomi le mani, con la stessa tenerezza e l’amore che ha dimostrato durante tutto il corso della sua vita. Ci siamo stretti le mani e quando ha esalato l’ultimo respiro, è partita Somewhere Over The Rainbow, cantata da Ella Fitzgerald, che aveva incontrato in un bistrot a Londra anni fa. Era la sua canzone preferita”.

Il nipote ha aggiunto:

“Sembra insopportabile l’idea di continuare a vivere senza di lui. Se n’è andato a causa delle complicazioni del morbo di Alzheimer di cui soffriva da tre anni. Fu una sua scelta non divulgare la notizia della sua malattia. Per fortuna, nel suo caso, la malattia non gli ha mai impedito di riconoscere i suoi cari o di perdere la sua personalità di base. Voleva ancora essere chiamato “Willy Wonka” e non poteva sopportare l’idea di essere guardato con pena. Non voleva sottrarre a nessuno un sorriso”.

Gene Wilder si sposò quattro volte ed è morto tra le braccia dell’ultima compagna.

 

LASCIA UN COMMENTO