Primo nato del 2016 è Marco Filippo: lieto evento al “Cristo Re” di Roma

0
Primo nato del 2016 a Roma

Tanti auguri a una coppia di peruviani che vive da tempo a Roma. La scorsa notte, i due sono diventati genitori per la terza notte, visto che è nato Marco Filippo, il primo nato del 2016

 

Il bebè è venuto alla luce a mezzanotte e un secondo. Un Capodanno ancor più felice, dunque, per i due peruviani, che hanno già altri due figli. Marco Filippo è nato all’ospedale “Cristo Re” di Roma: pesa 3 kg e 560 grammi ed è in ottima salute.

Ancora una volta, dunque, nell’ospedale romano “Cristo Re” viene alla luce il primo bebè dell’anno. Il primo nato del 2015, Tommaso, è nato proprio in tale nosocomio. I genitori, stanchi ma felici, sono italiani.

E’ un Capodanno insolito per tutti coloro che diventano genitori proprio il 1 gennaio. Un evento lieto che si somma a una festività. La coppia peruviana, i genitori di Tommaso e di tutti i primi nati degli anni passati hanno avuto il loro momento di celebrità, visto che tabloid, siti e telegiornali riportano sempre la notizia del primo nato dell’anno.

Marco Filippo ha battuto per una manciata di minuti un altro bimbo che si chiama Tommaso, nato 6 minuti dopo lo scoccare della mezzanotte all’ospedale Sant’Anna di Torino, nosocomio balzato in questi giorni agli onori della cronaca per la morte in sala parto di una 39enne e della sua figlioletta.

Il Sant’Anna di Torino è l’ospedale italiano dove, nel 2015, si sono registrate più nascite. Alle 23.42 di ieri, in tale nosocomio, è nata l’ultima torinese dell’anno, Lin Angelica, figlia di una coppia cinese che vive da tanti anni nel capoluogo piemontese.

Una curiosità sui nomi. I più gettonati per i maschietti sono Alessandro, Leonardo e Francesco. Il nome preferito dalle coppie straniere che vivono in Italia, invece, è Mohamed. Giulia, invece, domina la classifica dei nomi prediletti per le femminucce, seguito da Alice, Beatrice e Sofia.

Tanti auguri ai neo genitori e a tutti coloro che proveranno la gioia della paternità e maternità durante il 2016.

LASCIA UN COMMENTO