Roma, pachistano cerca di violentare turista finlandese in bagno ristorante

0
Roma, tentata violenza in ristorante vicino alla Stazione Termini

Una turista finlandese ha vissuto terribili momenti nel bagno di un ristorante poco distante dalla Stazione Termini di Roma, visto che un 31enne pachistano ha cercato di violentarla. La ragazza è stata salvata da un’amica che ha iniziato ad urlare. I presenti e i camerieri, allora, hanno evitato il peggio

 

Il pachistano, secondo le prime informazioni, ha bloccato la finlandese ed ha cercato di violentarla. Lei però ha reagito alle molestie ed è stata colpita con un pugno al volto, riportando diverse fratture. Non appena camerieri e presenti sono accorsi in bagno hanno notato l’uomo che cercava di violentare la turista. L’immigrato si è sentito braccato ed ha minacciato i presenti con un coltello; poi si è dileguato.

I poliziotti del Commissariato Viminale sono subito arrivati nel ristorante e, dopo essersi sincerati delle condizioni della turista finlandese, si sono messi alla ricerca del pachistano e l’hanno arrestato. Lo straniero dovrà rispondere di rapina e violenza sessuale.

La turista finlandese è stata trasportata in ospedale, dove i medici le hanno riscontrato fratture alla mascella e alle ossa del naso. Una brutta avventura che non dimenticherà certamente presto. Ennesimo episodio che non fa certo onore alla Capitale, spesso teatro di violenze e tentate violenze nei confronti di ragazze e donne. Noi diciamo basta a questo scempio. Siamo stanchi di assistere ad episodi di violenze contro donne che, a Roma e in Italia, non possono più uscire liberamente la sera e nelle ore notturne per lo scarso livello di sicurezza nelle strade.

A Roma c’è una nutrita comunità pachistana. Gli inquirenti, ovviamente, dovranno scoprire dove vive l’immigrato, e che mestiere svolge. Qualche mese fa, sempre a Roma, un pachistano 38enne iniziò a molestare in modo pesante una donna sul bus di linea “H”. Per fortuna i carabinieri, impegnati a scoprire eventuali scippatori, lo hanno visto e bloccato. Il pachistano cercò di reagire, brandendo una lametta da barba. I militari, comunque, riuscirono a neutralizzarlo e a portarlo in caserma.

LASCIA UN COMMENTO