Patrick Macnee è morto: John Steed in “Agente Speciale”, aveva 93 anni

Patrick Macnee è morto: John Steed in “Agente Speciale”, aveva 93 anni

0

Lutto nel mondo del cinema. Nelle ultime ore si è spento Patrick Macnee, venuto alla ribalta soprattutto per aver interpretato John Steed, nella serie tv inglese “Agente Speciale“, trasmessa dal 1961 al 1969. Aveva 93 anni. Macnee è morto per cause naturali nella sua casa, in California. Lascia due figli e un nipote.

L’attore inglese, classe 1922, fu ‘rapito’ presto dal mondo della recitazione e per questo iniziò a studiare alla scuola privata Summerfields; successivamente proseguì gli studi presso l’Accademia di Arti Drammatica Webber-Douglas, dove conobbe Barbara Douglas, ovvero la donna che diventò la sua prima moglie. Prima del successo sul piccolo schermo, Macnee partecipò ad oltre 150 show teatrali, vestendo i panni sia di Sherlock Holmes che di Watson.

Macnee, però, diventò celebre in tutto il mondo grazie a John Steed, il protagonista di Agente Speciale, una serie tv che narrava vicende di agenti segreti che dovevano risolvere casi misteriosi, correlati a fenomeni fantascientifici. L’attore inglese sapeva che gran parte della sua fama era dovuta alla serie tv, a cui rimase affezionato per tutta la vita. Ecco perché, nel 1998, Macnee decise di prestare la sua voce
all’invisibile Jones nella pellicola “The Avengers-Agenti speciali”, rivisitazione della serie tv.

Patrick Macnee ha vestito i panni anche di E.B. Hungerford nella serie tv “Super force” ed ha preso parte in vari episodi di “Palm Springs”, un’altra serie tv famosa. Roger Moore ha commentato così la morte dell’amico e collega, con cui ebbe l’onore di lavorare ne “L’oca selvaggia colpisce ancora” e “007-Bersaglio mobile”: “Sono triste nel sentire che Patrick Macnee ci ha lasciati. Eravamo amici dagli anni Cinquanta, ho tanti ricordi con lui. Un vero gentiluomo”.

La notizia della morte di Patrick Macnee è stata resa nota dal figlio, sottolineando che il decesso è stato dovuto a cause naturali. Addio Patrick, ti ricorderemo sempre con la tua immancabile bombetta e l’ombrello.