Depilazione: 5 falsi miti da sfatare

0

Anche la depilazione, come molti altri settori legati alla bellezza, non è immune da leggende e falsi miti. Oggi intendiamo sfatarne ben 5 sicuri che sarà capitato anche a voi di credere, almeno una volta, che fossero veri.

Rasoio, il maggiore responsabile di pelle secca?

Molto spesso si pensa che la pelle secca nelle donne possa essere causata anche dai rasoi comunemente utilizzati per la depilazione. Ecco perché è bene evidenziare che questo aspetto non è affatto realistico. Infatti chi ha una pelle secca deve semplicemente garantire una corretta idratazione così da evitare la desquamazione. Sarebbe buona cosa quella di utilizzare una crema idratante in seguito alla depilazione con rasoio in maniera tale da garantire un’idratazione costante della pelle. Attenzione però va fatta a non usare mai una crema idratante prima della depilazione in quanto potrebbe favorire irritazioni e non avrebbe alcun effetto benefico per la pelle.

Col rasoio i peli crescono grossi e più neri

Un altro falso mito inerente la depilazione riguarda il fatto che molti pensano possano crescere peli più grossi e soprattutto dal colore più scuro. Si tratta di un aspetto del tutto falso in quanto nel momento in cui si va ad effettuare la depilazione si taglia la parte superiore del pelo. Quetso vuol dire andare a tagliare la parte più sottile mentre rimane quella più spessa inferiore. L’impressione è quella di avere dei peli più spessi, ma in realtà si tratta semplicemente dello stesso tipo e soprattutto della stessa colorazione. Inoltre i peli non crescono più folti in quanto seguono il loro percorso di crescita così come accade per i capelli.

Depilarsi ogni giorno può far male?

E’ importante sapere ogni quanto depilarsi ma spesso si pensa che una depilazione costante nel tempo possa essere di danno alla pelle. Falso, in quanto si tratta di un’abitudine comunque buona anche per eliminare cellule morte della pelle. Il tutto considerando comunque che è preferibile utilizzare prodotti idonei: dalle lame dei rasoi fino alle creme apposite. In questo modo si eviteranno irritazioni di ogni tipo e soprattutto fastidi successivi alla fase della depilazione. Inoltre una depilazione costante permette di avere sempre l’estetica migliore per le proprie esigenze favorendo così un normale turnover delle cellule della pelle e dei peli. La pelle non viene sottoposta ad uno stress eccessivo come molti pensano purché non si usino lame troppo affilate o spesse che potrebbero danneggiarla.

Abbronzatura e depilazione possono andare d’accordo

Le donne tendono a pensare che dopo l’esposizione al sole è meglio non depilarsi per evitare di rovinare la tintarella. Eppure è bene sapere che non vi è alcuna correlazione tra l’abbronzatura e la depilazione, per cui quest’ultima può essere effettuata anche in seguito all’esposizione solare. Si tratta di un’abitudine che può essere presa in modo corretto anche perché si vanno ad eliminare cellule morte che possono annidarsi negli strati superficiali della pelle. Oltre a considerare che una depilazione regolare post-abbronzatura permette di dare lucentezza al proprio corpo esaltando così il colore acquisito con la pelle.

Rasoio lontano dall’acqua? Cosa bisogna sapere

Un altro elemento che non bisogna dimenticare riguarda il corretto utilizzo di un rasoio per la depilazione. Molte donne credono che sia meglio non usarlo a contatto con l’acqua nel momento in cui si vogliono eliminare i peli. Eppure è stato dimostrato che grazie all’acqua esso può scorrere in maniera migliore sulla pelle garantendo così un risultato radicalmente migliore. Senza dimenticare anche che grazie all’acqua è possibile idratare la pelle evitando fastidiosi pruriti dovuti alle irritazioni. Oltre a dover tenere anche presente che si potrebbe optare anche per un semplice gel in maniera tale da garantire al rasoio il giusto scivolamento sulla pelle e una corretta rimozione dei peli che darà risultati soddisfacenti.

LASCIA UN COMMENTO